Esulta comprensibilmente la Fapav (Federazione per la tutela dei contenuti audiovisivi e multimediali) per l’indagine della Guardia di Finanza di Roma che vede indagate 223 persone in tutta Italia in qualità di fruitori di contenuti audiovisivi, film, sport eventi in maniera illecita, cioè coloro che sono in possesso di abbonamenti per Iptv (internet protocol television) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’Agenzia Spaziale ora fa l’investitore a rischio nelle startup

prev
Articolo Successivo

Tornano 2.500 cinesi in Toscana ed è psicosi

next