La mattina del 6 febbraio, pochi minuti prima che il Frecciarossa Etr 9595 deragliasse a Ospedaletto Lodigiano provocando la morte dei due macchinisti, i 5 manutentori di Rfi non sono andati a vedere fisicamente se lo scambio sul quale avevano lavorato fosse effettivamente chiuso (non lo era), ma lo hanno manovrato da remoto. Questo il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Diabolik e quel summit per la pax mafiosa a Ostia

prev
Articolo Successivo

Processo ai capi del porto: “Abusi e falsi pro Grimaldi”

next