Le passioni, si sa, non si piegano alle leggi della ragione. E questo lo sa bene Dario Franceschini, il ministro dei Beni culturali, che tra una settimana riuscirà a riaccenderne una delle sue preferite, grazie all’approvazione del nuovo decreto che aumenta i “compensi per copia privata”. Che altro non sono che il tributo che i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Contagi, Usa: “Cina non è trasparente” L’Ue teme per il Pil

prev
Articolo Successivo

Altro che Sturmtruppen, l’esercito tedesco è kaputt

next