Chi non ha mai preso in vita sua una pasticca di Zyprexa? Gaetano detto Tano, ad esempio, se ne fa due dosi al giorno perché questo antipsicotico, prescritto per la schizofrenia et al., lo aiuta a sentirsi “giusto”, laddove “sbagliata” è la notte che lo inghiotte, fatale e tragica al limite dell’irrealtà. Una notte sbagliata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Parlarsi a Ferrara, lasciarsi a Roma e morire ad Atene

prev
Articolo Successivo

Ma chi si rivede: El Chapo ed Herrera di nuovo protagonisti di “Narcos: Messico”

next