I supereroi non invecchiano mai. Il primo numero di Spider-Man risale al 1962, da allora generazioni di autori si sono inventati di tutto per mantenere Peter Parker adolescente o almeno giovane, in modo da permettere ai suoi lettori di immedesimarsi. Viaggi nel tempo, dimensioni parallele, patti col diavolo che cancella il matrimonio tra Peter e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Altro che Pop: Jim Dine è un maestro

prev
Articolo Successivo

“C’è forse una galassia nel mio ombelico?”

next