Dopo l’Orso d’Oro alla Berlinale 2014 per Fuochi d’artificio in pieno giorno, il cinese Diao Yinan ritorna sul luogo del delitto con Il lago delle oche selvatiche, presentato in Concorso all’ultimo festival di Cannes. Stavolta l’analisi critica della Cina contemporanea è più laterale e meno programmatica, eppure il realismo sociale non abbandona questo mesmerizzante noir, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Il Bestiario d’amore”, desiderio di Medioevo

prev
Articolo Successivo

Parlarsi a Ferrara, lasciarsi a Roma e morire ad Atene

next