Pulsioni ataviche, strade inaspettate, magari tortuose: certe cose arrivano addosso e basta. Solo il tempo può definire la traiettoria, svelare il senso. “Sono arrivato a questo bestiario per vie strane”, dice Vinicio Capossela accarezzando il volume illustrato da Elisa Seitzinger. Lo tocca, gli si legge l’orgoglio nei movimenti delle mani, nel suo riportarlo sempre sotto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Per capire le guerre serve un fotoreporter”

prev
Articolo Successivo

Il lago delle oche selvatiche. Yinan trova stile e forma perfetta sul “Lago”

next