Chiunque viva in Israele sa che durante le campagne elettorali, come questa per le elezioni del 2 marzo, attraverso il cellulare è bombardato di sms, questionari, gradimenti personali, che servono a “mirare” ancora di più il messaggio degli schieramenti in lizza. Tutti i partiti politici in Israele sono dotati di liste elettorali prima del voto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Crypto Ag, così la Cia “ascoltava” amici e nemici

prev
Articolo Successivo

Crypto Ag e il caso dei Paesi spiati da Cia e Germania. Aldrich: “È la più grande rapina della storia dal Dopoguerra”

next