Ha lunghi capelli castani, il corpo esile e il sorriso radioso. Quando parla è difficile interromperla. Ha le idee chiare, la voce spedita e un entusiasmo travolgente. Si chiama Marta Canino, è una delle portavoci del Comitato NoGrandiNavi. È nata nel 1985 a Venezia. Sta per ultimare la seconda laurea all’Università Ca’ Foscari in economia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“La stampa vive grazie al Web. Indipendenza e qualità per vendere”

prev
Articolo Successivo

Dati digitali, guerra in mare tra sommergibili e spioni

next