Toto-Oscar

Dell’“American Beauty” è rimasto solo Mendes

Dopo vent’anni “1917” è il favorito, ma nel frattempo sono sprofondati Kevin Spacey e la Miramax di Weinstein

8 Febbraio 2020

Comunque vada, qualcosa è cambiato. Domenica notte Sam Mendes potrebbe bissare con 1917 la statuetta per la regia di American Beauty, ma gli Academy Awards e Hollywood non sono più quelli di vent’anni fa. Back in the days, 26 marzo del 2000, la settantaduesima Notte degli Oscar, officiata per la settima volta da Billy Crystal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui