Paolo Tavianiè tornato a occuparsi di Luigi Pirandello a oltre trent’anni di distanza da Kaos e Tu ridi, realizzati con suo fratello Vittorio, e ha iniziato a dirigere Leonora Addio, un nuovo film che per la prima volta firmerà da solo dopo la recente scomparsa di Vittorio. L’86enne regista toscano ha ambientato le prime scene […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“A Discovery of Witches”, le streghe non si prendono troppo sul serio

prev
Articolo Successivo

Visita guidata all’amore nei musei

next