“Erano soliti ghi’ dint’e paesi e alli feste ca se facevano attuorno alla città nosta e là ‘mparavano ‘e canzoni d’e campagnuole e doppo ‘e sunavano e le facevano sentì dint’ ‘e viche e le chiazze de Napule”. Nel bellissimo e corposo libretto di Napoli 1534 tra moresche e villanelle (Squi[libri] editore), la Nuova Compagnia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tecla ha l’età (16) e a Sanremo difende le donne

prev
Articolo Successivo

Se arriva il virus scateniàmogli contro Amadeus, Renzi o Salvini

next