È un Mattia Santori diverso, quello che si prepara alla domenica elettorale. Dice che la linea è cambiata: “Cerchiamo di non entrare nel voto a gamba tesa”. E pensa, di ritorno dal tuffo nel mare di Romagna, più al futuro delle Sardine che all’esito del voto. Alla fine, però, accetta di parlare. Qual è stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

La doppietta dei due Matteo

prev
Articolo Successivo

Schlein, i “coraggiosi” che possono dare l’aiutino alla sinistra

next