“Mattia, mattia, vieni qua”, gli urla dalla transenna una signora con un vistoso scialle rosso mentre Mattia è assediato dalle luci delle telecamere. “Vieni, vieni a farti dare un bacio, potresti essere mio nipote”, dice prendendolo dolcemente per un braccio e tirandolo a sé. Poi gliene schiocca uno su una guancia e gli dà una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

Il leghista sciacallo del dolore usa pure Tommy, ma fa flop

next