L’ex capo non si vede più come centravanti, non adesso. Ma la maglia numero dieci sì, quella la pretende. “Ora Luigi ha voglia di fare il regista” sussurra un parlamentare il giorno dopo l’apocalisse, cioè dopo le dimissioni da capo politico di Luigi Di Maio, dopo “la fine di un’era” come l’ha definita lo stesso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

I dem lavorano per sostituire Salini e Foa

prev
Articolo Successivo

Tre donne in corsa (e una è anti-Luigi)

next