Devi vivere l’emozione forte di attraversare il viadotto Bisantis, sospeso nel vuoto a 112 metri d’altezza, arrivare a Catanzaro e renderti conto che qui la campagna elettorale, fatta di scontri su idee e programmi, non c’è. Nella città “vertiginosa” (la definì così lo storico Francois Lenormant nell’800) è stata sostituita da una feroce lotta per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Mr Papeete ora vuole fare il governatore

prev
Articolo Successivo

Niente accordo, solito Renzi: gela tutti sulla prescrizione

next