“Santo subito è esagerato, meglio compagnuccio della parrocchietta, comunque sempre Sordi sia lodato”. Vincenzo Mollica l’Albertone nazionale l’ha conosciuto bene, e oggi non dissimula il giubilo: per il centenario della nascita, Fondazione Museo Alberto Sordi, Roma Capitale e Regione Lazio hanno apparecchiato una grande mostra nella residenza dell’attore, per la prima volta aperta al pubblico. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Greta a Trump “La casa brucia e la colpa è solo vostra”

prev
Articolo Successivo

Luì e Sofì, ora anche il cinema fa i “conti” con le star del web

next