Una diatriba durissima a colpi di comunicati tra avvocati penalisti e magistrati in Piemonte. I primi si comportano come i “giustizialisti” da loro tanto contestati, mentre i secondi difendono le garanzie di chi si trova sotto accusa, come fanno spesso i primi. Tutto per un errore clamoroso di tre magistrati di Asti che il 18 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Allarme di cronisti ed editori “Arriva un nuovo bavaglio”

prev
Articolo Successivo

Soldi all’associazione di Toti: alert di Bankitalia in Procura. “Alcune somme finite sui conti personali del governatore”

next