Il suo giocattolo prediletto rischia di rompersi. E così, a poche ora dalla riunione della Giunta per le autorizzazioni a procedere, convocata per decidere se mandarlo a processo per la gestione dei migranti trattenuti a luglio a bordo della Nave Gregoretti, Matteo Salvini tenta di aggiustarlo come può. “Dirò ai miei parlamentari di dire sì […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Craxi, il verdetto dei pellegrini ad Hammamet cancella Tangentopoli e la Storia

prev
Articolo Successivo

Sardine, buona l’ultima: 40mila in piazza per avere un futuro

next