“Si vira su Viola, sì ragazzi”. È la mezzanotte del 9 maggio scorso: il trojan installato nel cellulare del pm romano Luca Palamara intercetta le parole di Luca Lotti. Il parlamentare Pd è parecchio interessato alla nomina del futuro procuratore capo di Roma. Alla conversazione partecipa anche un altro parlamentare Pd, oggi transitato in Italia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il collaboratore di Nardella: “Al concerto se mi voti”

prev
Articolo Successivo

Haftar fa il prezioso, Conte: “Fondamentale il ruolo Usa”

next