Un originale televisivo in cinque puntate, trasmesso per la prima volta nel 1995: sceneggiatura di Pupi Avati, regia di Fabrizio Laurenti, protagonisti Massimo Bonetti e Lorenzo Flaherty. Esoterico, inquietante, disgraziato e censurato, ma con le stimmate del cult: venticinque anni dopo, l’eco di Voci notturne non si è spenta. Pupi Avati, parliamo del Twin Peaks […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Sanremo, si fa prima a dire chi mancherà

prev
Articolo Successivo

Melbourne, atleti carne da macello: crollano a terra per l’aria inquinata

next