Allo scadere dei primi sei mesi d’indagine, il dossier Moscopoli si arricchisce di nuovi elementi. A dare benzina al motore delle indagini è il caso di Irina Aleksandrova, la giornalista russa dell’agenzia di stampa Tass. I rendez-vous a Mosca tra lei e l’ex vicepremier della Lega aumentano. Sentita dai pm di Milano, dirà: “Il 17 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Parma, dove la marea leghista assedia la città ricca e indecisa

prev
Articolo Successivo

Sulla Gregoretti Gasparri vuole il voto con assenti

next