Da buona pratica a prassi deviata il passo è breve, e spesso perfino consentito dalla legge. I fanghi di depurazione composti da feci umane, fertilizzanti dai depuratori, acque reflue urbane e agro-industriali, per esempio, dopo trattamenti biologici-chimici di decontaminazione dovrebbero essere usati come concime per i terreni. Al momento, invece, sono tra gli agenti inquinanti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Baffa, il candidato Scarface: in vasca con rhum e sigaro. E saluti porno

prev
Articolo Successivo

Show della transumanza per brucare fondi europei

next