“L’uomo perfetto non esiste, ma credo si debba tentare di riprodurre in questa vita la realtà meravigliosa delle favole”. A parlare, e a sognare, è Gianclaudio Caretta, classe 1993, un tarantino che ha cominciato come autista del soccorso stradale notturno ed è finito – “ma in questo mestiere non si finisce mai di imparare” – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Da Tolstoj al nazismo, i destini d’Europa si decidono al bagno

prev
Articolo Successivo

Rita Pavone, di Sanremo e dell’Italia resta “Niente”

next