I Paesi che si affacciano sul Golfo Persico custodiscono più della metà delle riserve mondiali di petrolio e controllano lo Stretto di Hormuz, arteria attraverso la quale passa un quinto del greggio mondiale. Negli ultimi mesi il settore petrolifero è stato teatro di uno scontro feroce tra Arabia Saudita e Iran. L’omicidio del generale Soleimani […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Lidl e la mancata valutazione del rischio sul luogo di lavoro

prev
Articolo Successivo

Rosarno dieci anni dopo: nuovi invisibili sempre più ricattabili

next