“Hello Jesus” che Sergio Staino ha messo in libreria questi giorni (Giunti Editore) non è una parodia, non è un affettuoso divertimento sulla figura di Gesù di cui il Natale segnala la nascita, non è una variazione sul tema. E non è la storia a fumetti di Gesù. È un piccolo capolavoro di un artista […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le religioni tradiscono le scritture. “L’ambiguità esprime il mistero”

prev
Articolo Successivo

Vedi un film in coppia… e poi ti lasci

next