Morire di riforme (senza mai verificarne i risultati): ecco il destino del ministero per i Beni Culturali. Un corpo esangue, anzi ormai uno scheletro ambulante, che ogni nuovo (o vecchio-nuovo) ministro si diverte a vestire con un vestito nuovo, a favore di telecamere. Pochi giorni fa, dunque, ecco la “nuovissima” riforma Franceschini ter, che riforma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Non riusciamo a ricoverare 2 pazienti su 10”

prev
Articolo Successivo

L’amore al tempo dei social: “La mia storia più profonda: like, chat e sesso al telefono”

next