La ricevuta fiscale da 1.610 euro è stata trovata dalla Guardia di Finanza durante la perquisizione dello studio dell’avvocato Alberto Bianchi a Firenze. Spillata al documento c’era la corrispondenza in mail con il commercialista Massimo Spadoni che chiedeva precisazioni a Bianchi al fine di imputare la spesa (non esosa visto il numero dei commensali) ai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Calabria, “a Luberto viaggi pagati dal politico amico”

prev
Articolo Successivo

La nuova legittima difesa potrebbe “salvare” i condannati

next