Il banco di pesce azzurro affiora in superficie quando sotto c’è il tonno. A massa compatta confonde il predatore e lo denuncia al pescatore. Dalla barca a motore scrutavo il mare per scorgere il punto dove il mare friggeva di scintille vive. Ho avuto questo in mente quando ho sentito che un invito a riempire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Bertarelli, elogio di un critico sempre libero

prev
Articolo Successivo

Tra la scatola e il mare aperto

next