“Le cose non saranno mai perfette ma voi dovete continuare a combattere, people have the power, ciao sardine”. Persino Patti Smith, la sacerdotessa del rock, ha voluto omaggiare il movimento delle sardine. Nato per contrastare la campagna elettorale di Matteo Salvini in Emilia Romagna e presto allargatosi a fenomeno culturale-sociale e, forse, politico. Quattro ragazzi, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Camorra e mazzette negli appalti di Autostrade”

prev
Articolo Successivo

“La tentazione di soldi o potere non mi seduce”

next