Molti lettori conoscono Eva Cantarella, docente universitaria (in Italia e negli Stati Uniti) popolare narratrice della letteratura classica e del mito greco, il cui pregio più grande, oltre la scrittura, è la capacità di collegare le ansie e paure sociali del presente ai grandi riferimenti del passato. In questo suo libro appena uscito (Gli inganni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Natale, pecorai e mandriani sulla culla di Gesù: “Il giusto si nutre di biada”

prev
Articolo Successivo

L’assassino senza volto che vita fa?

next