L’attivismo sociale, la militanza politica, l’impegno civile andrebbero riservato agli esteti, e solo a loro. L’ennesima riprova, che onorando la forma si dà credito alla sostanza, viene da Todd Haynes, hipster newyorkese all’apparenza, regista sopraffino alla prova: da Far from Heaven a Carol, da Velvet Goldmine a I’m Not There, ne abbiamo apprezzato l’empatia, il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Scuole superiori, l’orientamento che può farti perdere la bussola

prev
Articolo Successivo

Natale, pecorai e mandriani sulla culla di Gesù: “Il giusto si nutre di biada”

next