Un congedo autobiografico che porta con sé l’eco di tòpoi letterari d’antica memoria. La fine delle buone maniere, l’ultimo libro del sociologo e saggista genovese Pierfranco Pellizzetti, è un peregrinaggio a tappe sparse tra i luoghi dell’anima. L’autore, condotto dalla “terribile registrazione dei danni irreparabili compiuti dallo scorrere del tempo”, fa i conti con la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Il pubblico non ama il dubbio ma noi attori siamo impostori”

prev
Articolo Successivo

I “Medici”, il pentolone prêt-à-porter ha i tubi guasti

next