Di Maio è certamente un giovane fuori classe: senza avere alle spalle un contesto élitario, con le sue sole forze, è riuscito a mettere insieme un curriculum (vice-presidente della Camera, vice-presidente del Consiglio, Capo del Movimento, tre volte ministro) che nessun trentatreenne, salvo Gesù Cristo, potrebbe vantare. Se anche oggi abbandonasse la politica, tuttavia resterebbe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Prescrizione, tutti per lo stop

prev
Articolo Successivo

Ridotti gli obblighi anti-terremoto: pure per il Morandi

next