Una Ong, per dare un porto sicuro ai migranti recuperati in mezzo al mare, dovrebbe raggiungere il suo Stato di appartenenza. Se la nave batte bandiera tedesca vada in Germania, se è olandese in Olanda, e così via. E poco importa se l’imbarcazione si trova a miglia e miglia di distanza, per esempio davanti alle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Più membri per la Privacy: ora La Russa sogna

prev
Articolo Successivo

Rousseau. La piattaforma ha dei difetti, ma è utile a tutti rileggere il filosofo

next