“Colpirne cento per educarne uno”. Il consigliere provinciale di opposizione Paolo Ghezzi ci prova così, capovolgendo il motto latino usato da Mao, a descrivere l’ultima proposta di Maurizio Fugatti. L’idea del presidente della Provincia di Trento (Lega) potrebbe riassumersi così: toglieremo la casa popolare a chi ha un familiare che commette un reato. A partire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Io disabile e senza casa, mollata da Salvini”

prev
Articolo Successivo

“Licenziato perché pretendeva troppa sicurezza”

next