“Ma come si può parlare di repubblica delle lettere e di democrazia dei lettori, se i lettori sono a conoscenza solo di una minima parte della produzione letteraria?”. A chiederselo è Giulio Milani, scrittore ed editore di Transeuropa, intervistato in merito al movimento di protesta capitanato dallo stesso e dalla scrittrice Veronica Tomassini, scatenatosi in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Nessuno tocchi Caino, è un uomo come noi

prev
Articolo Successivo

“Noi, imperdonabili” e il pensiero inverso

next