Salì sul Monte Baldy ed entrò nel monastero buddista. Era il 1994, restò lassù sei anni, alla ricerca della Verità. Scelse per sé il beffardo nome di “Jikan”, il Silenzioso. Ma il suo genio non tacque allora, né può farlo oggi. L’anima errante di Leonard Cohen (che non ripudiò mai l’ebraismo) trovò riparo nelle spoglie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Polanski “Resterà nella storia. Le polemiche no”

prev
Articolo Successivo

Subsonica, vent’anni e tanti giovani eredi

next