Materie prime comprate a prezzi esorbitanti e poi scomparse, tonnellate di prodotti finiti svenduti a prezzi ridicoli e l’accusa di aver danneggiato l’economia nazionale con lo spegnimento degli impianti dell’Ilva. Sono addebiti esplosivi quelli contenuti negli atti depositati negli ultimi due giorni dai commissari straordinari dell’Ilva ai giudici di Milano e Taranto. Accuse accompagnate da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Bersani ironico: “Siamo gli unici che non rompono i coglioni”

prev
Articolo Successivo

Niente norma anti-Benetton, ora bisogna “salvare” Alitalia

next