Quando la invitava a cena, Louis-Ferdinand Céline non diceva una parola. Divorava una bistecca, poi proponeva un film, ma dopo i primi fotogrammi la trascinava fuori dal cinema. Faceva lo stesso coi libri: leggeva la prima pagina, poi una nel mezzo. Quindi richiudeva l’opera e le diceva: “Ho capito”. A raccontarlo, nel libro di memorie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Milleluci” spente: è morto Falqui, il padre del varietà

prev
Articolo Successivo

Conte sotto tutela, proiettile arrivato alla sede dell’Inter

next