L’acqua va su, e il Mose resta giù. Nei giorni della grande paura per l’acqua alta a Venezia è facile fare ironia su un’opera che è come una chimera. Basti pensare che risale al 2003 l’apertura dei cantieri per realizzare le dighe mobili contro le maree che periodicamente allagano il centro storico e le isole. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’acqua alta in San Marco. Allarme rosso a Venezia

prev
Articolo Successivo

Piaccia o meno, Greta e altri lottano per interessi generali

next