Palermo Pop 1971. Annunciati i Pink Floyd, i King Krimson, i Van Der Graaf Generator, i Colosseum e magari pure i Rolling Stones. Una sòla pazzesca cui abboccarono gli affamati di rock e musica figa, regazzini che si fiondarono da tutto il territorio nazionale sperando di finire in una Woodstock nostrana. Tra i pischelli che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Simenon: erotomane, egoista e avido. Eppure era un genio

prev
Articolo Successivo

Testatina

next