Polistena, alba di un giorno nei primissimi anni Sessanta: “Con la mia famiglia ero in macchina, dopo tanto discutere diventavamo emigranti. Destinazione Torino. Ho ancora la sensazione di quello stato d’euforia, misto al dolore di lasciare la mia terra, e di vedere dal vetro posteriore nonna salutarci e diventare sempre più piccola. Anche quella mattina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Turchia, contro i curdi una guerra inutile”

prev
Articolo Successivo

Simenon: erotomane, egoista e avido. Eppure era un genio

next