L’esimente penale per chi gestisce l’Ilva di Taranto è un tema scivoloso. Al di là del merito però, e persino del fatto che a oggi sia un falso problema, ArcelorMittal l’ha usata come una clava negli atti formali con cui ha annunciato l’intenzione di recedere dal contratto siglato con lo Stato il 31 ottobre 2018 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Partita la trattativa sull’Ilva: metà esuberi, ma metà soldi

prev
Articolo Successivo

Conti pessimi e crisi dell’acciaio in Europa: cosa c’è dietro la fuga del colosso da Taranto

next