I bambini hanno tutti la stessa voce. Quella di mio figlio, che gioca nella stanza a fianco mentre scrivo; quelle che arrivano dalle finestre aperte del primo piano di una scuola; quelle dal campetto di calcio, concitate prima di un rigore; quelle nel cortile dell’oratorio, dove la pazienza di un parroco li raccoglie ogni pomeriggio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’America Verde contro Trump l’inquinatore

prev
Articolo Successivo

Fiore e Ferrante, per avere successo bisogna sparire

next