“Non è che al telefono mi chiedi queste cose, neanche per scherzo. Perché vedi che andiamo a finire al Pagliarelli, stavolta ci portano lì”. Era in questo modo che Antonello Nicosia, l’attivista radicale fermato su ordine della Procura di Palermo, si rivolgeva a Giuseppina Occhionero, la deputata eletta con Liberi e Uguali e di recente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Basta assistenti parlamentari in carcere”

prev
Articolo Successivo

Violante smentisce Mori sull’incontro con Ciancimino

next