“Ho letto da qualche parte che Nada in sanscrito significa suono, e io da sempre inseguo un suono che so di trovare solo dentro di me. L’importante è continuare a cercare”. Non mette in pagina, la ragazza di Gabbro, la storiella già troppo usurata: quella della profezia di una zingara di nome Nada a sua […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Febbre da Ferrante: vince chi arriva primo?

prev
Articolo Successivo

Mastella punta al centro: lo vuole libero dai cani

next