Quando un musicista famoso annuncia urbi et orbi di aver trovato Dio è il momento di preoccuparsi. Figuriamoci quando si tratta di colui che per auto-proclamazione è “indiscutibilmente il più grande artista della storia dell’umanità”. C’era quindi un’attesa quasi messianica per Jesus Is King, l’album della svolta cristiana di Kanye West, annunciato e dis-annunciato nell’ultimo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Carrisi e “L’uomo del labirinto”: perso tra Kafka e Carroll, ritrovato da Toni e Dustin

prev
Articolo Successivo

Club2Club, l’elettronica si ascolta a Torino

next