Terrorismo senza frontiere, quello di al-Baghdani. Soprattutto le frontiere virtuali ed incontrollabili del dark web, la rete parallela di Internet dove si trova ciò che Google non raccoglie o non vuole accogliere. In questo spazio lo “sceicco invisibile” (uno dei tanti soprannomi di al-Baghdani) ha diffuso il principale strumento della propaganda Isis, la rivista telematica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Fede e oro: il tiranno che ha causato 400 vittime in Europa

prev
Articolo Successivo

Bce, Mario Draghi lascia alla Lagarde una banca centrale con il pilota automatico. Ma la cassetta degli attrezzi ora è vuota

next