TikTok: l’icona sullo smartphone somiglia a una “T” ma anche a una nota. L’ambiguità è voluta. I video di 15 secondi che si susseguono senza un criterio evidente, infatti, si dividono in due categoria: quelli in cui teenager più o meno cresciuti cantano in playback improvvisando passi di danza e quelli in cui mostrano scarpe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

T-shirt sessiste: l’errore di Carrefour

prev
Articolo Successivo

Da Twitter a Twitch: così si è evoluta la specie (social)

next